I Polipi endometriali, che cosa sono e come si formano?

29 Mag

polipi endometrialiI polipi endometriali sono protuberanze o escrescenze dell’endometrio o cappe che tappezzano l’interno della cavità uterina.  Il suo interno contiene abbondanti vasi sanguinei e ghiandole endometriali che rispondono a stimoli ormonali.

Si formano grazie alla proliferazione in una zona sulla cappa basale dell’ endometrio, con minore ricettivitá  a cambi omonali. Con i cicli mestruali la cappa funzionale dell’ endometrio che lo circonda si disfa, potendo individualizzare così il pólipo.

Normalmente sono benigni anche se un 0,5-1% posso trasformarsi in maligni, specialmente durante la menopausia.

A seconda della loro struttura istologica possono definirsi funzionanti, iperplasici o atrofici.

Possono essere unici o multipli, peduncolati o sessili (con un’amplia amplia impiantata) e di grandezze diverse.

Costituiscono una patología frequente in ginecología, con una prevalenza del circa 20% della popolazione generale comparendo soprattutto tra i 40 e 65 anni di etá.

Il sintomo più caratteristico è un’emorragia uterina anormale : ipermenorree o pensanti sanguinamenti mestruali, spotting intermestruali,  metrorragia post-menopausici, sanguinamenti irregolari, ecc.

Ciò nonostante in molti casi sono totalmente asintomatici e si vengono diagnosticati solo dopo un’esplorazione ecografica.

L’ ecografía transvaginale è il metodo migliore per la diagnosi e l’ isteroscopia sará il metodo per la sua conferma. Allo stesso tempo l’ isteroscopia ci permette raccogliere un campione del polipo o estirparlo ambulatorialmente.ecografia transvaginale

Quando accade che per la grandezza o il numero di polipi non è possibile realizzare un’ isteroscopia con polipectomía ambulatoria, occorre sottomettersi a un’ isteroscopia chirurgica  sotto anestesia per l’utilizzo di strumenti con maggior diámetro per realizzare l’estirpazione e coagulazione della base d’impianto del polipo.

La polipectomia viene indicata per qualsiasi polipo asintomatico, ed è consigliabile se hanno una grandezza maggiore di 1 cm, oltre ad essere imprescindibile in pazienti sterili o che so sottometteranno a un trattamento di riproduzione assistita.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: